Crea sito
rimedi per l'insonnia
Medicina naturale,  Vivere i 9 mesi in salute

Abbasso l’insonnia: i rimedi per dormire bene

Dormire bene è fondamentale per il nostro organismo. Un corpo e una mente riposati sono più reattivi ma, soprattutto, sono alla base di un sistema immunitario forte.

Purtroppo, ci sono momenti della vita in cui la nemica numero uno del sonno, cioè l’insonnia, viene a farci capolino.

Solitamente, per gli uomini la causa principale di insonnia sono i problemi di lavoro. Per le donne, il cui ritmo sveglia-sonno dipende anche da un giusto equilibrio ormonale, può essere la gravidanza. In entrambi i casi, se l’insonnia colpisce in estate, quando ci si mette anche il caldo a debilitarci, si rischia davvero di finire ko.

La mancanza di sonno può rivelarsi pericolosa nel caso si svolgano quei lavori che richiedono la massima lucidità mentale. Si pensi, ad esempio, agli autisti. Quindi, laddove l’insonnia diventa patologica, è assolutamente necessario consultare il proprio medico di fiducia.

Nella fase iniziale del disturbo si può, comunque, provare qualche rimedio naturale o una modifica a delle abitudine sbagliate.

I rimedi naturali

  • Melissa officinalis: ha una leggera attività sedativa e se ne può bere tranquillamente una tazza d’infuso prima di andare a letto. Sono da preferire le erbe sminuzzate che si trovano in erboristeria, da lasciare in infusione per 5-7 minuti in una tazza di acqua bollente. Meglio ancora, in una teiera, in modo che l’acqua resti coperta e i vapori non volatilizzino.
  • Tiglio: oltre che tranquillizzante, è un blando regolatore del battito cardiaco. Quindi è consigliato quando l’insonnia si accompagna a tachicardia. Anche in questo caso, va benissimo l’infuso bevuto alla sera se si parla solo di insonnia. In caso di tachicardia, è più funzionale assumere l’estratto in gocce, il cosiddetto macerato glicerico. In commercio lo trovate col nome di Tiglio Argentato o Tiglio Argenteo. 20-40 gocce alla sera (è preferibile cominciare dalla dose minima) in poca acqua dovrebbero essere sufficienti per vedere i primi miglioramenti.

L’aromaterapia

Per chi preferisce ritrovare la serenità senza assumere prepararti per via orale, viene in aiuto l’aromaterapia. Un buon profumo per casa è recepito dal nostro cervello come input alla rilassatezza e per sconfiggere l’insonnia ci sono degli aromi che funzionano più di altri.

  • Camomilla: da usare nel diffusore per essenze, almeno mezz’ora prima di andare a letto, la dose indicata è di circa 10 gocce per una camera da letto di medie dimensioni, intorno ai 20 mq.
  • Lavanda: purtroppo c’è a chi piace e a chi non piace l’odore di questa pianta, ma è una delle più utilizzate in aromaterapia. E’ l’aroma scaccia-pensieri per eccellenza, utilissimo quando l’insonnia deriva dal troppo rimuginare sui problemi. Solitamente, se ne usa qualche goccia, circa 5/6, direttamente sulla federa del cuscino. Altrimenti, messe su un fazzoletto di stoffa da mettere sotto il cuscino stesso.

Una camera ben organizzata concilia il sonno

Non ci si fa spesso caso, ma ci sono delle cattive abitudini che, involontariamente, allontanano il buon sonno. Vediamo come modificarle.

  • Temperatura della camera intorno ai 20 gradi. Questo vale soprattutto in inverno, quando si crede che impostare il termostato a temperature superiori ci eviti di sentir freddo la notte. Per quello, dovrebbe bastare un buon piumone.
  • Biancheria del letto cambiata ogni settimana, in modo da evitare di condividere il sonno con gli acari della polvere.
  • Luci soffuse. Vietato accendere la luce centrale della camera da letto quando ci si entra. Meglio le luci delle lampade del comodino. Se volete distrarvi con una attività ‘soporifera’, verso su per un buon libro e pollice in giù per smartphone e tv, che tendono a sovraeccitare i circuiti neuronali. Pessima cosa se si sta combattendo contro l’insonnia.
  • Inutile dirlo…evitate qualsiasi discussione serale. Ve la trascinerete inevitabilmente a letto.

Voi utilizzate qualche tecnica particolare per rilassarvi e tenere lontana l’insonnia? Vi va di parlarne per ampliare questo post?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.