Crea sito
tintura con henne
Bellezza e cura del corpo

Hennè: tingere i capelli in modo bio e sicuro

Tingere i capelli in modo sicuro dovrebbe sempre essere una scelta di cura per i nostri capelli, ma ci sono momenti della vita di una donna in cui ciò diventa un’esigenza. Ci viene in aiuto un ingrediente completamente bio: la polvere di hennè.

Che sia per fare le prime sperimentazioni cromatiche durante l’adolescenza -magari su di un ciuffo o sulla frangia- o, come è capitato anche a me, durante gravidanza e, ora, allattamento per coprire i capelli bianchi, meglio lasciar stare le tinte permanenti a base ammoniacale e virare verso un riflessante leggero oppure questa straordinaria polvere che ci ha donato la natura.

Cosa è l’Hennè

Reperibile sia nella grande distribuzione che in farmacia ed erboristeria, l’hennè è una polvere dalla colorazione verdastra ottenuta dalla macinazione delle foglie di una pianta subtropicale.

Se pensiamo alle donne indiane che, da millenni, usano l’hennè anche per tatuarsi la pelle del corpo, va da sé la sicurezza che questo prodotto può avere sulla cute della testa, una delle zone più delicate del corpo umano.

I colori dell’Hennè

Essendo la polvere un prodotto naturale, non si può sapere a monte come ‘attaccherà’ al capello. Per intenderci. Se prendete una qualsiasi confezione di polvere di hennè, non trovate quasi mai quelle fotografie del ‘prima e dopo’ che, in genere, si usano per le tinte delle marche più note.

Questo perché l’hennè non lavora con agenti chimici, ma avvolge semplicemente il capello come fosse una seconda pelle. Più il capello è sano in partenza, meglio l’hennè fa il suo lavoro.

Ecco, grossomodo, il risultato finale che si ottiene in base al colore di partenza dei capelli:

  • capelli bruni= riflesso rosso
  • capelli castani=riflesso mogano
  • capelli biondo scuro= riflesso rosso rame
  • capelli biondo chiaro, ossigenati o bianchi= riflesso rosso carota

Se è la vostra primissima volta, le confezioni in commercio possono mandarvi un po’ in confusione, perché vi indicano il colore della polvere, che può passare dal rosso al nero. Addirittura, qualcuna recita ‘con rinforzo di mogano’.

Per tagliare la testa al toro, potete fare come me, che ho comprato su Amazon una polvere miscela di foglie di hennè, castagno e caramello.

Ho i capelli castano mogano in radice e ramati sulle punte. Il risultato finale è stato un bel riflesso cioccolato, quindi un po’ più scuro di quello mio naturale ma più uniforme.

Come si prepara l’hennè

L’hennè si prepara miscelando circa 50/60 gr. di polvere con 400 ml di acqua calda, preferibilmente in bottiglia, in modo da ridurre al minimo la presenza di calcare e residui fissi.

Utilizzate una ciotola non metallica, quindi o di vetro oppure di silicone, come se ne trovano nei reparti profumeria della grande distribuzione.

Poi miscelate usando lo stesso pennello che userete per stendere la pastella. l’acqua va aggiunta a poco a poco, perché dovete evitare la formazione di grumi. La consistenza finale dovrà essere più o meno quella di un omogeneizzato.

Occhio ad usare dei guanti protettivi sin dalla preparazione della pastella. Le macchie di hennè sono infime! E copritevi le spalle con un asciugamano per proteggere i vestiti.

Per la preparazione potete usare un set parrucchiere come questo che ho comprato io. Ha, oltre alla ciotola e ai pennelli, il grembiule da salone (quindi non lo gettate ma lo lavate in lavatrice) e il cappellino in gomma forato, quello che si usa per fare i cosiddetti ‘fili di luce’, che voi potrete provare con l’hennè.

Applicazione dell’Hennè

Stendete la pastella con un pennello e avvolgete con della pellicola trasparente e poi con un asciugamano di spugna.

Il tempo di posa, a seconda del risultato finale che si vuole ottenere, varia dai 40 minuti ai 120 minuti. Maggiore è la posa, più intenso sarà il risultato finale. Non strafate se è la prima volta che lo provate, perché il riflesso rosso è uno dei più lenti a scaricare con gli shampo.

Meglio rimanere leggerine la prima volta e, magari, riprovare con un secondo ritocco passato un mesetto.

Finito il tempo di posa, lavate con uno shampo addolcente e, se avete i capelli crespi, con doppie punte o secchi, passate anche una noce di balsamo.

Presenza di link di affiliazione su cui si ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi.

Credit foto di copertina: Tuttogreen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.